Colazione Americana: Uovo alla Benedict, Brioche ,Grissini, Marmellata di cipolle e Maionese

 Permettetemi un “VE POSSINO!!!” così  d’emblée a Roberta e al suo condominio e anche all’Mtchallenge di Ottobre!! Ma xchè dico?? Non si poteva fare la solita ricettina mai provata prima? NOOOOOOOOOOOO loro dovevano proporre La Colazione Americana…quella  non con una… non con due…. ma con tre e più piatti da preparare!! Quella dove puoi trovare di tutto: succo d’arancia, frutta fresca, cereali con latte freddo, toast imburrati, uova al tegamino, bacon fritto, patate fritte magari dei legumi, talvolta salsicciotti o prosciutto cotto e per finire, dolci tipo pancakes con sciroppo d’acero oppure muffin con caffè o tè.

Io, sbagliando, non faccio colazione la mattina e quando me la concedo non vado oltre un bicchiere di latte freddo con 2/3 fette biscottate. Quindi per me è stato più facile pensare che questa colazione americana sarebbe stata il mio pranzo. La preparazione ha richiesto tempi lunghi per la lievitazione della brioche: sono partita giovedi pomeriggio con i rinfreschi del licoli e ho infornato sabato sera. Nel mentre ci sono stati la marmellata di cipolle e i grissini fatti con gli avanzi del licoli. Domenica mattina ho prepararto la maionese e l’uovo, uno solo xchè a casa mia le uova piacciono solo a me.

L’avete voluto voi ^_^ eccovi un postone lunghissimo…Chi di spada ferisce….

 

 

Uova alla Benedict

Mi ero preparata un’intera confezione di uova, xchè almeno una decente mi doveva riuscire!!
Ho seguito pari pari il procedimento indicato da Roberta e devo dire che mi è riuscito al primo colpo ^_*

Per quanto riguarda la cottura delle uova, ci sono diversi metodi ed il piu’ diffuso e’ quello di mescolare energicamente l’acqua per creare un vortice nel quale adagiare l’uovo che, trascinato dal movimento dell’acqua, rotolera’ su se stesso avvolgendosi nel suo albume mentre questo si solidifica. A me questo metodo ha sempre dato poche soddisfazioni, mentre mi sono trovata meglio con il seguente:
 
In una casseruola da 24 cm di diametro, versate circa 5 cm di acqua e scaldate a fuoco medio fino alla comparsa delle bollicine sul fondo e sui bordi della pentola.
Rompete le uova in ciotoline separate, un uovo per ogni ciotola, eliminando quelli con il tuorlo rotto.
Versate delicatamente le uova, una alla volta, sulla superficie dell’acqua, lasciando che vadano dolcemente a fondo. Lasciate abbondante spazio tra un uovo e l’altro, cuocendone non piu’ di tre o quattro alla volta. Lasciatele cuocere indisturbate per 3 o 4 minuti, usando una spatola di gomma per staccare delicatamente le uova dal fondo della pentola, se fosse necessario. 
Con un mestolo forato togliete le uova dall’acqua, una alla volta, scolandole molto bene e se dovete servirle subito, tamponate il fondo del mestolo con un pezzo di carta da cucina per assorbire tutta l’acqua in eccesso.  Potete conservarle in frigorifero fino a 3 ore, avendo l’accortezza di deporle su un piatto coperto di carta da forno. Al momento di servirle, bastera’ scaldarle per  35 o 40 secondi in acqua in leggera ebollizione.”

 

 
 
 
 
 

In accompagnamento all’Uovo alla Benedict ho preparato una

Maionese alle Olive pastorizzata

1 uovo
succo di 1/4 di limone
150 ml di olio di semi
olive verdi condite sminuzzate
sale

Mettere a scaldare l’olio. Quando comincia a fare le bollicine spegnere il fuoco e farlo intiepidire. Dovrebbe arrivare ad una temperatura di circa 70/75°C.

Nel bicchiere del minipimer inserire l’uovo il succo di limone e le olive. Frullare.
Col minipimer accesso versare a filo l’olio e montare.

Credo di aver usato troppo olio la prossima volta provo con 100 ml
La pastorizzazione mi consente di conservare la maionese che avanza

Per la base dolce dell’Uovo alla Benedict ho preparato una Brioche:

Per questo impasto ho usato la ricetta che Montersino usa per i suoi cornetti sostituendo il lievito secco con il licoli.

Lievitino:
100 g licoli
125 g farina
50 g acqua
 
Sciogliere il lievito nell’acqua e aggiungere la farina.
Impastare finchè non si ottiene un impasto liscio e omogeneo. Ho dovuto aggiugere un altro pugno di farina presa dal totale che viene usata in seguito.
Mettere a fermentare in una bacinella piena d’acqua a temp ambiente fino a quando non viene a galla.
Diventerà pieno di buchi e molto molle.
 
Da questo punto in poi ho usato il Bimby in azzurro il mio procedimento
 
Impasto brioche:
250 gr di farina (metà 00 e metà manitoba)
75gr di zucchero
70 ml di latte
37.5 gr di burro morbido
112.5 gr di uova (io ne ho usate 2 piccole)
1/2 cucchiaino di miele
7 gr sale
lievitino strizzato
 
In una ciotola versare la farina, fare la fontana e inserire il lievito strizzatissimo, lo zucchero, il miele.
 
Cominciare a impastare
 Nel boccale del Bimby 20 sec vel 7 
Lentamente aggiungere il latte (con le lame in movimento)
Aggiungere le uova: aggiungere il secondo solo quando il primo sarà completamente assorbito (con le lame in movimento).
Salare
Allargare il panetto e inserire un pò alla volta il burro morbido
Impastare ogni volta per 30 sec a vel 7 
Impastare bene e con forza.
Impastare vel spiga per circa 40 sec per due/tre volte
 
Ungere una ciotola con un pochino d’olio, adagiare l’impasto e coprire con una pellicola
Mettere a riposare in frigo per tutta la notte.
 
A questo punto è successo qualcosa x cui la lievitazione in frigo non è riuscita benissimo. La mattina dopo l’impasto era gelido e praticamente non era cresciuto. Poichè oramai le danze erano state avviate l’ho reimpastato e messo a lievitare in forno tiepido e spento

A lievitazione avvenuta ho steso l’impasto a forma di rettangolo su una spianatoia infarinata, e l’ho diviso in due sul lato lungo,

Brioche con Nocciole e Uva Secca

nocciole 
uva secca

Mettere un pugno di nocciole in un sacchetto e con un mattarello le pestate. Sistemarle sull’impasto insieme all’uva secca. Arrottolare e riporlo in una vaschetta di alluminio, tipo plumcake, ben unta a lievitare per altre 2 ore.
Con un pennello bagnare la superficie con del latte e infornare a 200°C per circa mezz’ora
 

Con l’altra metà dell’impasto

Brioche dolce con Pancetta e Mozzarella

Lo confesso avevo degli avanzi di pancetta e mozzarella e ho pensato di usarli così:

120 gr di pancetta dolce
100 gr di mozzarella

Sull’impasto già steso mettere la pancetta e la mozzarella. Arrotolare. Tagliare dei dischi di circa 1.5 cm. Mettere i dischi formati in una piccola teglia di alluminio (la mia è di 22 cm) ben unta

Far lievitare per 2 ore, spennellare l’impasto con del latte e poi infornare a 200°C per circa mezz’ora

 

Marmellata di cipolle

400 g di cipolle rosse
200 g zucchero
1 mela
1/2 bicchiere di aceto di mele
1 pizzico di noce moscata

Nel Bimby:
Lavare e asciugare la mela tagliarla in quarti e metterla nel boccale.
Pulire le cipolle tagliarle in quarti e metterle nel boccale
Tritare a vel 4 per 15 secondi. devo rimanere pezzi grossolani
Aggiungere lo zucchero, l’aceto e la noce moscata
Far cuocere a 100°C per 1 ora a vel 2 e poi Varoma per circa mezz’ora sempre vel 2
Invasare in barattoli sterili.

Grissini alle cipolle

Per questa ricetta non ho dosi. Avevo un avanzo di circa 150 g di licoli ho aggiunto farina, sale e un paio di cucchiani di marmella di cipolle. Ho ottenuto un panetto morbido ma non appiccicoso. Ho formato i grissini e li ho infornati a 200°C fino a doratura.

 

Per completare la colazione all’americana ci voleva una bevanda e quale preparare? Questa è la ricetta più complicata in assoluto….giudichesse tenetevi forte!
 

Latte

 
latte
 
Potete scegliere quello che più vi piace, fresco o no, intero o no, di mucca.. di asina.. di capra.. di soia.. fate voi.
Fatta la scelta aprire la bottiglia e versare nel bicchiere. Una cannuccia a decorare.

 

Alla fine non ho aspettato il pranzo, ma ho mangiato l’uovo su una fetta di brioche dolce tostata con la maionese accanto, e poi anche della brioche “salata”, la marmellata, i grissini  e il latte…tutto questo verso le 10.30 di domenica mattina…..qualche miliardo di calorie che non smaltirò mai!!!

 “VE POSSINOOOOO!!!!”

Con queste ricette per la mia colazione americana partecipo all’Mtchellange di questo mese

 

No Comments

  • ๓คקเ 30/10/2013 at 9:40 PM

    Buonissimo tutto, brava Rosaria!!!
    E meno male che dicevi di non avere idee!

    Reply
  • veronica 30/10/2013 at 1:06 PM

    ammazza che bonta' ma che foto stupende complimenti

    Reply
  • daniela ferri 27/10/2013 at 4:26 PM

    Che tavola, quanta luce e quante squisitezze! Rosaria le foto, come sempre rendono giustizia alla bontà!!

    Reply
  • TataNora 25/10/2013 at 10:39 PM

    Questo *giro* per le proposte dell'MTC me lo sono ritagliato negli spazi notturni, quando l'insonnia fa da padrona a mille pensieri. Mi sta venendo una faaaaame!
    Da te ho trovato spunti per tutto quello che hai preparato: anche per la composta di cipolle! Mi mancava una ricetta per abbinarla ai formaggi o ai crostini magari in un aperitivo rustico.
    Nella casetta gialla spesso ripiego al fatto che non ho mai tempo per incontrare gli amici, organizzando degli aperitivi serali che virano presto verso la cena in piedi et similia.
    Non mi piace ripetermi e quindi cerco sempre valide alternative. Brioche dolce pancetta e mozzarella: arruolata! Composta di cipolle: arruolata! Maionese alle olive pastorizzata: arruolata!
    Insomma: mi sa che (uovo a parte) me la vendo tutta per il prossimo aperi-cena!
    Brava Rosaria e CHE FOTOOOOOOOOO!!!!!
    Nora

    Reply
  • marina 25/10/2013 at 7:51 PM

    Il tuo uovo è perfetto e la marmellata di cipolle…..chi non l'ha mai provata non può capire!!! Complimenti davvero!

    Reply
  • Francy BurroeZucchero 24/10/2013 at 9:08 AM

    Grande Sosi! per una che non mangia mai di mattina hai proposto una colazione superba! io adoro i lievitati e avevo un licoli tempo fa.. ormai è andato ma mi sono rifatta con il lievito madre "normale" con cui ho potuto sfornare cose stupende.. come le tue! quella torta di rose è bellissima e tutto mi piaceeee ! col bicchiere di latte hai steso tutti, comunque è proprioil latte, puro e semplice la bevanda tipica della colazione americana! bravissima!

    Reply
  • Alessandra Gennaro 24/10/2013 at 8:40 AM

    No, no, ma noi periamo volentieri, sotto i colpi di questa colazione!!! ma ti rendo conto di che meraviglie hai preparato, grazie all'ultima assemblea condominiale? 😉
    Seriamente, Rosaria: questa è una gran figata di colazione: realizzata in modo impeccabile, ma soprattutto pensata, studiata nei minimi dettagli e con scelte impegnative (perchè i lievitati lo sono sempre), ben combinati e molto, molto ben fatti. Eppure, passano in secondo piano rispetto alla bevanda ;-), la cui complessità di realizzazione oscura tutto il resto 😉 🙂 tepotessino lo dico io, ma in mezzo ci aggiungo una vagonata di complimenti… bravissima!!!!

    Reply
  • roberta 23/10/2013 at 8:14 PM

    E vabbe' ma allora dilo!! Te la prendi con me perche' ti ho fatto lavorare troppo, ma cosa ti e' saltato in testa di fare tutte 'ste cose? Splendido, Rasaria, tutto bellissimo. Un intero buffet da hotel 5 stelle, altro che colazione casalinga! La lievitazione naturale, la marmellata di cipolle, le nocciole nella brioche, le rose dolci e salate…Mi stuzzica quella maionese alle olive, la devo provare la piu' presto. Stupendi anche i grissini, davvero. I miei amici americani impazzirebbero davanti ad una tavola del genere e per quanto mi riguarda, mi farebbe felice anche alle 7,30 del mattino…Grazie infinite per aver partecipato Rosa', un abbraccione e ci si vede in giro!

    Reply
  • Carmen 23/10/2013 at 7:17 PM

    Buona questa colazione / brunch / aperitivo / pranzo /merenda /cena … io starei bene due giorni … non sarebbe male però!!!! Complimenti per le ricette!!!

    Reply
  • lavvocatonelfornetto 23/10/2013 at 12:49 PM

    E meno male che ti sembravano troppe le ricette previste dalla sfida! Ma quante cose hai fatto? Veramente eccezionale e ti copierò quella briosce con le nocciole ….sembra spettacolare!

    Reply
  • valentina riboldi 23/10/2013 at 12:10 PM

    quante delizie in tavola!
    complimenti!

    Reply
  • EliFla 23/10/2013 at 8:46 AM

    Hai fatto una bellissima colazione, ma soprattutto cominciando per tempo ti sei saputa organizzare alla grande. Ti bacchetto solo per una cosa, FAI LA COLAZIONE 8 magari comincia spalmando un velo di miele o confettura su quelle 2-3 fette biscottate , buona giornata, Flavia

    Reply
  • Mariabianca 23/10/2013 at 8:34 AM

    Le foto parlano da sole,complimenti.

    Reply
  • Forno Star 22/10/2013 at 10:05 PM

    Ma solo a me è venuto l'uovo in canottiera??? Ve possino! 😉

    P.s. da ora in poi farò la maionese come la fai tu, mi convince assai!

    Reply
  • consuelo tognetti 22/10/2013 at 9:29 PM

    Wowowowowow..hai fatto davvero un duro lavoro..chissà che fatica a mangiarsi tutto :-P!!!!!
    Io senza colazione non riuscirei nemmeno ad uscire di casa e con una così di sicuro fino a sera sarei apposto 😛
    Complimenti!
    la zia Consu

    Reply
  • Fabiola Palazzolo 22/10/2013 at 8:15 PM

    Eccoti, mica te la potevi scansare!!
    Io come te non mangio nulla a colazione, tranne la mia tazza di caffè e latte.
    Te la sei cavata alla grande, con accoppiamenti mirati e molto equilibrati.
    Un abbraccio.

    Reply
  • Rosaria Orrù 22/10/2013 at 7:56 PM

    detto fra noi ne avevo pensata una ma me la sono dimenticata…ero troppo concentratata sulla salsa 😛

    Reply
  • Anna Luisa e Fabio 22/10/2013 at 7:40 PM

    Vedi che alla fine hai trovato la tua strada? 🙂 Anche Jack ama le cipolle a colazione, quindi direi che ci siamo!
    Col latte hai battuto anche la Tata, ma ci sta anche quello, classico bicchiere di latte delle colazioni americane 😀

    Fabio

    Reply

Leave a Comment