Pasta, piselli, yogurt greco e feta per ricordare il raduno di MTC

pasta piselli yogurt e feta di ottolenghi

Il week end scorso, quello del 13-15 gennaio, sono calati a Napoli da ogni dove gli MTChallengers per il  raduno MTC .

Potevo mai mancare? Certo che no!

Una due giorni indimenticabile organizzata magnificamente da Fabio e Annalù in ogni particolare.  Sono stati due giorni di svago completo, senza alcun pensiero se non quello di godermeli tutti. Ho riabbracciato tanti volti noti (Alessandra, Nostra Signora di MTC, Flavia, Mai, Francesca con la sua bellissima bambina, Kika, Sabrina, Elisa, Vittoria, Giulietta,Patrizia, Ilaria, Cristiana, Giulia, Antonietta…) e ho dato volto e voce a chi, invece, conoscevo solo virtualmente (Rossella, Cinzia, Anna con la quale ho diviso la stanza, la vulcanica Valentina, Sara, Susy e il suo Cosciotto di Pollo, Lucia….). Sono stati due giorni intensi, dove in molti hanno fatto tour cultural-gastronomici e dove in molti hanno scoperto il perchè del famoso detto”vedi Napoli e poi muori”

L’albergo che ci ha ospitato, il Renaissance Mediterraneo, ha tra le sue tante peculiarità una magnifica sala all’ultimo piano dove, oltre a godere della cena del venerdi sera e delle colazioni, abbiamo potuto rifarci gli occhi ammirando un magnifico panorama che racchiudeva insieme il Vesuvio e tutto il golfo, isole comprese

Sabato siamo stati in giro tutti insieme, tutto il giorno per andare a visitare il Caseificio Il Casolare ad Alvignano,

 

quindi, mangiare la pizza numero 1 in assoluto  di Franco Pepe a Caiazzo, un’esperienza, ogni volta tra il mistico e il mistico,

e poi per concudere un giro alla Reggia di Caserta. Una chiassosa scolaresca in gita, dove non sono mancati i pipponi della Van Pelt e le grasse risate.

Il clou della due giorni è stata l’asta di domenica mattina. Tutti noi abbiamo portato qualcosa da offrire per l’asta (libri, caccavelle, oggettini tra i più svariati, pasta, farine, pentole…) più tanti, tantissimi biscotti. E’ stato, come l’anno scorso, un momento divertentissimo dove tutti hanno cercato in qualche modo di accaparrarsi il pezzo migliore tra una battuta di Flavia e le risate di tutti.

Alla fine abbiamo raccolto più di 2000 euro, non ricordo più la cifra, che verrà totalmente devoluta a Piazza Dei Mestieri.

Prima del liberi tutti, la sorpresa: Fabio ci ha consegnato una busta con dentro “il ricordo di Napoli”: un pacco di pasta di Gragnano IGP del Pastificio Gentile, i mitici taralli sugna e pepe di Leopoldo e un cioccolattino “vesuvio” di Gay Odin.

Il formato chè ho trovato nella mia bag si chiama “Vesuvio”

pasta di Gragnano IGP formato "Vesuvio" del pastificio Gentile

E’ un formato che raccoglie bene il sugo ed ho pensato fosse perfetto per la ricetta di Yotam Ottolenghi che condisce la pasta con Piselli, Yogurt greco e Feta.

pasta piselli yogurt e feta di ottolenghi

Vi dò le dosi della ricetta originale, io l’ho fatta solo per me

"pasta” src=”https://c1.staticflickr.com/1/452/32421234136_5628a6772e_b.jpg” alt=”pasta piselli yogurt e feta di ottolenghi” width=”751″ height=”1024″>

Pasta, piselli, yogurt greco e feta
da Jerusalem di Yotam Ottolenghi e Sami Tamimi, Ebury & Press
Write a review
Print
Ingredients
  1. 500 g pasta ( Io Pastificio Gentile, formato “Vesuvio”)
  2. 500 g di yogurt greco
  3. 150 ml di olio d’oliva
  4. 4 spicchi d’aglio, schiacciati
  5. 500 g di piselli surgelati, scongelati
  6. 60 g di pinoli
  7. 2 cucchiaini di peperoncino in fiocchi
  8. 40 g di foglie di basilico, spezzettate a mano
  9. 240 g di feta, da sbriciolare
  10. sale e pepe
Instructions
  1. Frullate lo yogurt, metà olio, l’aglio e 100 g di piselli, fino ad ottenere una salsa color verde chiaro. Versatela in una ciotola dove poi condirete la pasta.
  2. Mettete a cuocere la pasta in acqua bollente e salata. In un colino,che li possa contenere, mettete i piselli restanti ed immergetelo nella stessa pentola dove cuoce la pasta.
  3. Scaldate a fuoco medio l'olio, in una padella dove aggiungerete i pinoli e il peperoncino in fiocchi. Fate soffriggere finché i pinoli sono belli dorati.
  4. Scolate i piselli e poi la pasta, che aggiungerete, poca alla volta, alla salsa verde: in questo modo non rischiate che lo yogurt si divida per l'eccesso di calore.
  5. Aggiungete poi i piselli, il basilico, la feta sbriciolata, il sale e il pepe.
  6. Cospargete con l’olio piccante e i pinoli, mescolate e servite.
SosiDolceSalato http://sosidolcesalato.com/

pasta piselli yogurt e feta di ottolenghi

6 Comments

  • Kika 12/02/2017 at 8:18 AM

    Ciao bella donna, con calma arrivo anche io, sai, ora che ho finito le scorte edibili, devo colmare la nostalgia in altro modo e se ognuno dei presenti al raduno scriverà un post, saranno almeno 71 i giorni della memoria. Questa pasta è nella lista di quelle da fare e, avendo anche io i vesuvio… c’è anche la pasta e lenticchie di Flavia… dura lotta. Spero di vederti presto.

    Reply
    • Rosaria Orrù 12/02/2017 at 7:08 PM

      il pacco è di mezzo kg puoi provare tutte e due le ricette 😄

      Reply
  • Maria 23/01/2017 at 5:24 PM

    Che bello questo formato e brava tu che l’hai saputo valorizzare

    Reply
  • Flavia Galasso 23/01/2017 at 1:25 PM

    Rosaria, me li leggerò tutti i vostri e soprattutto le vostre ricette, sono stata fortunata anche io con i Vesuvio, un formato di pasta fantastico…un grandissima e piacevolissima sorpresa questo brand! Il raduno è stato un mega successo…come l’asta dove abbiamo di gran lunga superato i 2000 dello scorso anno…ci siamo avvicinati all’altra cifra tonda… felicissima di aver goduto la magnifica Napoli sotto tanti aspetti sia culturali che gastronomici, un’accoppiata per me vincente! …. Prossimo raduno spero di godermi di più anche te

    Reply
  • Mario 23/01/2017 at 1:10 PM

    Grande Sosi!
    Un abbraccio 🙂

    Reply
  • Fabio 23/01/2017 at 12:49 PM

    E’ stato bellissimo condividere questi bei momenti! Siamo stati proprio bene, veramente ce lo siamo goduto tutto il raduno!
    E complimenti per la ricetta, deliziosa!

    Reply

Leave a Comment